Seleziona una pagina
Mostra dettagli
Nascondi dettagli
Caratteristiche

Copertina rigida
Stampa: offset, offset-UV, serigrafica, a caldo, in negativo
Legatura cartonata
Libro fotografico
Carte colorate
Labbratura

Le carte Fedrigoni

Sirio Ultra Black 115 gsm

Copertina e tecniche di stampa

La grafica e la stampa della copertina hanno un ruolo molto importante all’interno del progetto, poiché è da questi elementi che il lettore avrà la prima impressione del libro. Le immagini di copertina possono essere stampate direttamente sul rivestimento, in genere in stampa offset in quadricromia, ma non mancano le possibilità di aggiungere un tocco di particolarità con litografia o stampa tipografica, oppure scegliendo una carta colorata e sovrastampando testo e grafica tramite serigrafia o stampa a caldo.

Legatura

Dopo la stampa, il libro viene assemblato tramite la legatura. Esistono carte specifiche per questo processo, caratterizzate da un’elevata resistenza all’abrasione, allo strappo e alla luce, solitamente sottoposte a trattamenti anti-graffio e anti-impronta. La legatura cartonata (hardback) è realizzata rivestendo degli elementi in cartone, i due piatti e il dorso, con un foglio di carta. Una delle sue varianti più utilizzate è la bodoniana, caratterizzata da due piatti rigidi e da un dorso flessibile.

Grammatura suggerita
Piatti: da 500 gsm a 700 gsm
Rivestimento: da 100 gsm a 140 gsm

Risguardi

La copertina rigida viene unita al corpo del libro tramite i risguardi: due fogli di carta resistente che vengono incollati da un lato all’interno della copertina, e dall’altro alla prima pagina. La scelta di una carta colorata o la stampa di immagini o elementi grafici sui risguardi possono trasformare questo dettaglio della rilegatura in un elemento forte del progetto.
Grammatura suggerita: da 140 gr a 150 gr


Stampa a caldo
Libro fotografico

Nei libri fotografici viene usata spesso la carta patinata per la sua superficie molto compatta che non fa spandere l’inchiostro. Grazie alla maggiore stampabilità, i puntini del retino di stampa risultano più nitidi e la riproduzione è migliore. In base all’effetto che si vuole ottenere, più brillante o più morbido, e al tipo di fotografie, ci si può quindi orientare verso una patinata, che può essere lucida o opaca, oppure verso una carta naturale. Alcune carte marcate e naturali infatti sono sottoposte ad un trattamento che preserva brillantezza e nitidezza, come la serie Stucco e le carte X-Per.
Scopri le carte speciali Fedrigoni X-Per,Stucco.

Approfondimento

Stampa offset UV
Carte colorate

Uno degli utilizzi più frequenti delle carte colorate è nella copertina e nei risguardi, ma è possibile farne anche usi diversi: la stampa in quadricromia su carte di questo tipo non è da escludere, anche se può compromettere la fedeltà cromatica. E’ possibile quindi stampare una base di bianco coprente per evitare interferenze con l’immagine grazie a tecnologie come la HP Indigo o la serigrafia. Con una lavorazione creativa invece, si ottengono risultati interessanti, ad esempio stampando il negativo di un’immagine con un inchiostro chiaro coprente su una carta scura. La carta colorata è inoltre un’ottima soluzione per far risaltare le diverse sezioni di una pubblicazione.

Serigrafia su carta Sirio Ultra Black 115 gsm
Stampa offset con inchiostro silver su carta Sirio Ultra Black 115 gsm

Plessi Fenix DNA

di Tomomot – Italy
Premio Fedrigoni Top Award 2019 / Terzo classificato

 

Il libro permette di sperimentare l’installazione dell’artista Fabrizio Plessi al Teatro La Fenice di Venezia. Dall’oscurità delle pagine, luci, fuoco e acqua si susseguono per ricreare il ciclo delle performance. Il progetto del libro consente di avvicianare il percorso creativo dell’artista, da sempre affascinato dagli elementi acqua e fuoco così intrecciati con la storia di Venezia e del suo Teatro – per tre volte incendiato e ricostruito.

Scopri altri prodotti editoriali

Plessi Fenix DNA

di Tomomot – Italy

Premio Fedrigoni Top Award 2019

 

Terzo classificato

 

Il libro permette di sperimentare l’installazione dell’artista Fabrizio Plessi al Teatro La Fenice di Venezia. Dall’oscurità delle pagine, luci, fuoco e acqua si susseguono per ricreare il ciclo delle performance. Il progetto del libro consente di avvicianare il percorso creativo dell’artista, da sempre affascinato dagli elementi acqua e fuoco così intrecciati con la storia di Venezia e del suo Teatro – per tre volte incendiato e ricostruito.

Caratteristiche

Copertina rigida
Stampa: offset, offset-UV, serigrafica, a caldo, in negativo
Legatura cartonata
Libro fotografico
Carte colorate
Labbratura

 

Le carte Fedrigoni

Sirio Ultra Black 115 gsm

Guarda i dettagli

Risguardi su carta Sirio Ultra Black 115 gsm

Stampa a caldo

Stampa offset-UV

Stampa offset con inchiostro silver su carta Sirio Ultra Black 115 gsm

Serigrafia su carta Sirio Ultra Black 115 gsm

Scopri le forme della carta
Legatura

Dopo la stampa, il libro viene assemblato tramite la legatura. Esistono carte specifiche per questo processo, caratterizzate da un’elevata resistenza all’abrasione, allo strappo e alla luce, solitamente sottoposte a trattamenti anti-graffio e anti-impronta. La legatura cartonata (hardback) è realizzata rivestendo degli elementi in cartone, i due piatti e il dorso, con un foglio di carta. Una delle sue varianti più utilizzate è la bodoniana, caratterizzata da due piatti rigidi e da un dorso flessibile.

 

Grammatura suggerita
Piatti: da 500 gsm a 700 gsm
Rivestimento: da 100 gsm a 140 gsm

Copertina e tecniche di stampa

La grafica e la stampa della copertina hanno un ruolo molto importante all’interno del progetto, poiché è da questi elementi che il lettore avrà la prima impressione del libro. Le immagini di copertina possono essere stampate direttamente sul rivestimento, in genere in stampa offset in quadricromia, ma non mancano le possibilità di aggiungere un tocco di particolarità con litografia o stampa tipografica, oppure scegliendo una carta colorata e sovrastampando testo e grafica tramite serigrafia o stampa a caldo.

Libro fotografico

Nei libri fotografici viene usata spesso la carta patinata per la sua superficie molto compatta che non fa spandere l’inchiostro. Grazie alla maggiore stampabilità, i puntini del retino di stampa risultano più nitidi e la riproduzione è migliore. In base all’effetto che si vuole ottenere, più brillante o più morbido, e al tipo di fotografie, ci si può quindi orientare verso una patinata, che può essere lucida o opaca, oppure verso una carta naturale. Alcune carte marcate e naturali infatti sono sottoposte ad un trattamento che preserva brillantezza e nitidezza, come la serie Stucco e le carte X-Per.
Scopri le carte speciali Fedrigoni
X-Per,Stucco.


Approfondimento

Carta colorata

Uno degli utilizzi più frequenti delle carte colorate è nella copertina e nei risguardi, ma è possibile farne anche usi diversi: la stampa in quadricromia su carte di questo tipo non è da escludere, anche se può compromettere la fedeltà cromatica. E’ possibile quindi stampare una base di bianco coprente per evitare interferenze con l’immagine grazie a tecnologie come la HP Indigo o la serigrafia. Con una lavorazione creativa invece, si ottengono risultati interessanti, ad esempio stampando il negativo di un’immagine con un inchiostro chiaro coprente su una carta scura. La carta colorata è inoltre un’ottima soluzione per far risaltare le diverse sezioni di una pubblicazione.

Scopri gli altri prodotti editoriali

Scopri gli altri prodotti >

Ti è piaciuto scoprire l'affascinante mondo della carta e delle sue applicazioni?

Per diventare un vero intenditore non ti rimane che provarla: acquista online "Le forme della carta", un kit composto da una Guida all'uso per scegliere e usare la carta nella progettazione grafica corredato dai nostri campionari di carte Fedrigoni, in diverse grammature e colori.

Rimaniamo in contatto